LA CASA CARSICA

L’abitazione che al meglio rappresenta le tradizioni e la storia del Carso triestino e dei suoi abitanti.

Si tratta della Casa carsica, un’abitazione esemplare dell’architettura del nostro territorio. Essa è situata a Repen, nel comune di Monrupino. La forma attuale dell’immobile risale al 1831. Nel 1968 è stata poi acquistata dai soci della cooperativa Carso Nostro che si sono occupati della ristrutturazione della casa e in seguito dell’arredamento, ricevendo il mobilio in regalo dagli stessi abitanti del luogo.

La casa si sviluppa su due livelli: al piano terra ci sono la cucina e la cantina, il piano superiore è invece adibito a zona notte con una stanza ad uso granaio. Tra le peculiarità tipiche delle case carsiche del passato si possono osservare i muri e le finestre dalla tipica forma quadrata realizzati in pietra, di cui il Carso ne è ricco. Lastre di pietra sono state usate anche sul tetto dotato di camino. L’abitazione ha a disposizione anche il classico “ballatoio”, collegato al piano terra con delle scale esterne. Nella corte interna potrete notare un bel pozzo, anch’esso in pietra come le mura che fanno da confine tra le varie proprietà.

La Casa carsica è così attualmente adibita a museo e può essere visitata tutte le domeniche e i giorni festivi nel periodo che va da aprile a ottobre. Spesso alcuni spazi dell’abitazione vengono trasformati in vere e proprie gallerie d’arte. Nel cortile prendono vita anche vari spettacoli, concerti e cerimonie che rievocano gli usi e i costumi degli abitanti del posto. Tra le più attese sono sicuramente le Nozze carsiche, che si svolgono ogni due anni l’ultima settimana di agosto e che rievocano la tipica cerimonia matrimoniale, trasformando l’intero paese di Repen nel teatro di una grande festa popolare.

 

Per maggiori informazioni potete visitare il sito del comune di Monrupino.

Potrebbero interessati anche:

Sentiero di Lupinc

Monte Ermada