SISTEMA TAVOLARE: DI COSA SI TRATTA?

La provincia di Trieste è una delle poche eccezioni in cui vige il Sistema tavolare. Nel seguente articolo potrai scoprire di cosa si tratta, com’è strutturato e quali informazioni ci fornisce.

COS’E’?

Il Sistema tavolare è un sistema di “pubblicità immobiliare” che mette a disposizione dei cittadini informazioni riguardanti i trasferimenti di proprietà degli immobili a base reale, ovvero in riferimento al bene stesso e non al titolare. Esso viene chiamato anche Catasto tavolare o Sistema del libro fondiario ed è stato ereditato dall’impero Austro-Ungarico nei territori che nel passato ne facevano parte, come la provincia di Trieste, Gorizia, Trento e Bolzano e alcuni comuni in provincia di Udine, Vicenza, Brescia e Belluno. Nel resto del paese vige invece il Sistema di trascrizione.

COME SI COMPONE?

Fanno parte del Libro fondiario il “libro maestro”, denominato anche “tomo tavolare”, e tutta la documentazione inerente gli immobili e la loro proprietà. Ad ogni immobile viene assegnato un numero, chiamato “partita tavolare”, dove troveremo tutte le informazioni riguardanti l’immobile, come la dimensione, i proprietari e i possibili gravami. La partita è suddivisa poi in tre parti: nel foglio A, B e C.

Foglio A

Il “Foglio di consistenza” fornisce al pubblico le seguenti informazioni:
• a chi è intestato l’immobile,
• il numero, la sezione, il comune catastale,
• il numero delle particelle che si riferiscono al corpo tavolare,
• il foglio mappale dove troviamo l’immobile,
• la località,
• la qualità dell’edificio e del terreno,
• eventuali variazioni del corpo tavolare ovvero delle particelle che formano la partita tavolare,
• diritti tavolari (come servitù attive ecc.),
• eventuale struttura del condominio.

Foglio B

Nel “Foglio della proprietà” troviamo i seguenti dati:
• il diritto di proprietà e
• gli atti a ciò correlati (come atti di compravendita, donazione, successione).

Foglio C

Il Foglio C o “Foglio degli aggravi” contiene invece le seguenti annotazioni:
• diritti reali (ad esempio ipoteche ecc.),
• limitazioni del potere di disposizione (come pignoramenti ecc.),
• eventuali vincoli diretti e indiretti (ad esempio vincoli di tutela artistica).

Potrebbe interessarti anche:

Acquisto casa! Quanto mi costa?

Incarico di mediazione in esclusiva e non in esclusiva a confronto