L’IMPORTANZA DELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA IN UNA COMPRAVENDITA

L’Attestato di Prestazione Energetica (per brevità “APE”) fa parte dei documenti obbligatori per la stipula di un atto di compravendita o un contratto di locazione. Senza tale certificazione la vendita o la locazione non possono avvenire. Scopriamo insieme di cosa si tratta e a chi può essere richiesta.

DEFINIZIONE

L’APE è il documento che certifica la classe energetica alla quale appartiene l’immobile. Determinati parametri definiscono il consumo energetico dell’abitazione, in base al quale l’immobile ricadrà in una delle 10 classi attualmente in uso. La classe energetica più alta è segnata come A4, la più bassa invece con la lettera G.

OBBLIGATORIETA’

L’attestazione energetica è obbligatoria per tutti gli immobili con determinate eccezioni.

Ecco alcuni immobili esenti da tale obbligo:

– fabbricati isolati con una superficie inferiore ai 50 mq,
– fabbricati industriali e artigianali,
– edifici agricoli o rurali, non residenziali, sprovvisti di impianto di riscaldamento,
– immobili come box auto, cantine, autorimesse, depositi ecc. che solitamente sono privi di impianto di riscaldamento,
– costruzioni adibite ad attività religiose,
– ruderi e
– fabbricati in costruzione.

E’ invece necessario richiedere la redazione dell’APE nei seguenti casi:

– alla fine dei lavori in caso di nuova costruzione,
– alla fine dei lavori dopo un’importante ristrutturazione,
vendita dell’immobile,
affitto dell’immobile,
– permuta,
– donazione e
– per accedere a determinati bonus edilizi.

Nel caso di compravendita o affitto, la certificazione deve essere richiesta già prima di cominciare con la pubblicità dell’immobile.

VALIDITA’

Il certificato energetico ha una validità di 10 anni. Nel caso l’immobile subisca ristrutturazioni che influiscono sulla sua prestazione energetica, l’attestato deve essere rifatto. Tra tali lavori fanno parte ad esempio il cambio dei serramenti, il cambio della caldaia, l’installazione del cappotto, dell’isolamento del tetto ecc.

REDAZIONE

L’APE può essere redatta solo da tecnici abilitati, come periti, ingegneri, architetti o geometri.

Dopo aver reperito la documentazione necessaria, come i dati catastali, le planimetrie e i libretti degli impianti di riscaldamento e/o raffrescamento, che vengono allegati all’attestato, il tecnico o chi per lui deve effettuare un sopralluogo presso l’immobile per recuperare il resto dei dettagli riguardanti lo stesso.

Una volta compilato il modulo, esso viene firmato digitalmente dal soggetto certificatore e inviato telematicamente al Catasto energetico della regione di appartenenza. Al certificato devono essere allegati anche la Ricevuta di deposito e la copia del documento d’identità del tecnico. Solitamente vengono consegnate al proprietario dell’immobile tre copie in originale, timbrate e firmate dal certificatore.

COSTO

Il costo dell’attestato può variare in base alla tipologia dell’immobile e in base alla richiesta del tecnico che avete incaricato per la redazione dello stesso.

Potrebbero interessarti anche:

Vendere un immobile: quali documenti servono

Quando è necessario calcolare la plusvalenza